• Quando ripenso ai miei anni a Palermo e all'esperienza con CSF mi torna in mente una frase di Paolo Borsellino, magistrato italiano e vittima di mafia: "Palermo non mi piaceva, per questo ho imparato ad amarla. Perchè il vero amore consiste nell'amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare". Per alcuni CSF è un gruppo di amici, per altri una vera e propria famiglia, e per tutti noi rappresenta la possibilità di scelta e la speranza nel cambiamento di una terra tormentata e meravigliosa come la Sicilia.

    Flavia Arato
    Flavia Arato
  • Sono entrato in CSF nel 2011. La voglia di mettersi in gioco e' stato il collante di una collaborazione e di un'amicizia Senza Frontiere.. Ho lasciato la famiglia CSF nel 2016, ma sempre porto con me i ricordi di aver conosciuto centinaia di giovani da tutta europa e dal mondo, di aver conosciuto il fantastico mondo dell' educazione non formale e di aver acquisito competenze e conoscenze che difficilmente puoi trovare in altri ambiti di lavoro. Per questo esiste CSF e ancora continua sulla stessa strada. Spero che sempre più giovani possano sognare come lo abbiamo fatto noi.

    Francesco Di Liberto
    Francesco Di Liberto
  • CSF è per me: motivazione, entusiasmo, impegno sociale, praticità e prospettiva internazionale. Mi sono sentita accolta sin dall'inizio e coinvolta ad affrontare tutto lo spettro dell'inclusione sociale, sempre con creatività, collaborazione e in famiglia.

    MAR
    MAR